La Corte di Cassazione, Sezione I Civile, con l’ordinanza 9143/2020, ha confermato l’orientamento – dalla stessa già espresso in altre precedenti pronuncie – secondo il quale il Giudice, nella collocazione anagrafica, pur dovendo tenere primariamente in considerazione l’interesse del minore, non può comunque prescindere dal rispetto del principio della bigenitorialità.

L’ordinanza della Suprema Corte appare particolarmente importante in quanto ribadisce come il principio della bigenitorialità non possa mai essere “dimenticato” essendo principio volto a tutelare, in primis, gli interessi del minore e ad assicurare a quest’ultimo la presenza di entrambi i genitori nella propria vita quotidiana.